Gnocchi di patate dolci e bietole senza glutine

Gnocchi di patate dolci e bietole senza glutine

Preparazione: 80 minuti • Cottura: 3 minuti

Ingredienti per 3 persone

  • 300 gr patate dolci arancioni
  • 150 gr di bietole lesse
  • 1 uovo
  • 150 gr di farina di riso + quella per la spianatoia e per impastare
  • curcuma in polvere qb
  • sale qb

Domenica mattina.. Marito a fare i suoi lavoretti.. pulizie finite, gatti appisolati al sole, sono le 11 ..e mo che faccio? Gnocchiiiiiiiiiiiiii!!! Si ma con che? Ideaaaa!! Mia madre ieri (santa donna) ha lessato delle bietole..  le uova di galline felici le ho.. beh facciamoci dei bei gnocchi di patate dolci e bietole ovviamente senza glutine e oggi anche senza nichel che è meglio che sto buona dato che sto reintroducendo parecchio..

Mettiamoci al lavoro che qui c’è da impiastricciarsi le mani!

Preparazione

Per prima cosa laviamo le patate dolci e le bietole. Peliamo le patate dolci, tagliamo a rondelle alte 3 cm circa per velocizzare e mettiamo in una vaporiera. Saranno pronte quando la forchetta entrerà senza fatica e saranno morbide. Mentre aspettiamo mettiamo a sbollentare le bietole se non le abbiamo pronte. Ci vorranno pochi minuti. Le scoliamo e strizziamo bene e ne preleviamo 150 gr e frulliamo e lasciamo raffreddare.

Nel frattempo le patate saranno pronte. Le asciughiamo dal vapore e le mettiamo in una ciotola ancora calde e le schiacciamo con lo schiacciapatate o con la forchetta e le lasciamo intiepidire un pochino. Se apriamo il composto farà molto prima. Ci mettiamo al lavoro non appena saranno tiepide in modo che assorbano la giusta quantità di farina e che siano lavorabili.

Patate dolci schiacciate

Patate dolci schiacciate

Aggiungiamo a questo punto le bietole frullate intiepidite, le spezie (se non siete in fase di disintossicazione da nichel potete mettere anche della cannella) e il sale e mescoliamo bene.

Aggiungiamo le bietole, le spezie ed il sale

Uniamo ora l’uovo.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Incorporiamo l’uovo

Aggiungiamo ora i 150 gr di farina di riso.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Uniamo ora la farina

Amalgamiamo senza lavorare troppo l’impasto con un cucchiaio, trasferiamo sulla spianatoia l’impasto e lo copriamo con della farina.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Trasferiamo l’impasto sulla spianatoia

Mettiamo sulla base della farina in modo che l’impasto non attacchi e sia più maneggevole in quanto sarà molto morbido. Il trucco infatti per avere dei gnocchi morbidi una volta cotti è quello di mettere poca farina e di lavorarli brevemente perché l’impasto non diventi colloso. Quanto basta per avere un composto appena lavorabile.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Infariniamo la spianatoia

Prendiamo con l’aiuto di un coltello delle porzioni di impasto e con l’aiuto della farina sulla base li arrotoliamo fino a formare dei rotolini. Teniamo sempre la spianatoia coperta di farina.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Formiamo dei rotolini morbidi

Tagliamo ora a tocchetti piccoli l’impasto.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Tagliamo a tocchetti l’impasto

Una volta terminato questa operazione potremmo lasciarli così per una presentazione più casereccia oppure arrotolarli uno ad uno con le mani e poi passarli con una forchetta o con uno rigagnocchi per dare la classica forma.

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Rigagnocchi

Man mano che li facciamo li mettiamo su di un ripiano capiente con un canovaccio ricoperto di farina per far si che non attacchino e facciamo una riga nel centro con un coltello

Gnocchi di batata e bietole senza glutine

Righiamo gli gnocchi con un coltello

Facciamoli riposare almeno mezz’oretta prima di cuocerli.

Tempo di cottura degli gnocchi 3 minuti.

Prova i miei Gnocchi di batata e bietole al radicchio e pancetta croccante  oppure clicca qui per gli Gnocchi di patate dolci e bietole al pesto di iceberg e fiori di zucca

Note:

E’ preferibile la cottura al vapore per la batata rispetto alla bollitura perché assorbirebbe troppa acqua.

Conservate gli gnocchi a temperatura ambiente per solo se desiderate consumarli entro qualche ora a riposo sul vostro vassoio ricoperto di farina e poi coperti con un canovaccio asciutto.

Non vanno conservati invece in frigorifero da crudi in quanto cambia sia la colorazione che la consistenza rendendoli gommosi. Solitamente li preparo in anticipo in quantità abbondanti e poi li congelo in porzioni monodose (circa 200/250 grammi). Il trucco per non farli attaccare è quello di riporli su di un vassoio, metterlo nel congelatore e solo una volta congelati li trasferiremo in sacchetti monodose. Per cucinarli li useremo senza scongelarli tuffandoli direttamente in acqua bollente.

Una volta cotti invece potete conservarli in frigorifero per un paio di giorni al massimo.

Con le dosi di questa ricetta escono 2 porzioni molto abbondanti o 3 da 220 grammi circa.

Le bietole possono essere sostituibili con della scarola o con le spinaci se non siete allergici al nichel.

PS Le patate dolci non fanno parte delle Solanacee ma sono della famiglia delle Convolvulaceae per cui sono un ottima alternativa in caso di allergia o intolleranza alle Solanacee (es pomodori, peperoni, melanzane, patate e bacche di goji). Hanno un indice glicemico più basso rispetto alla patata quindi meno infiammanti per l’intestino e solitamente consentite in caso di diabete.

 

Chezia
Autore: Chezia

Mi chiamo Chezia e ho sempre avuto una passione sin da piccola per la cucina però nel tempo ho sviluppato molteplici allergie, intolleranze e la sensibilità chimica multipla. Grazie a una cura che sto facendo per l'intestino e una dieta a svezzamento, ora però sto reintroducendo moltissimi alimenti “vietati” e questo sito è la mia rivalsa sulle allergie che mi avevano portato a mangiare tutto color zucchina.. Perché ora posso finalmente mangiare a colori!